default_mobilelogo

Login

Per gli enti soggetti al patto di stabilità gli oneri di personale derivanti dai rinnovi della contrattazione collettiva non sono da considerare tra le spese di personale, ai fini del rispetto dei tetti di spesa.
Lo afferma la Corte dei conti, Sezione regionale di controllo della Lombardia, col parere 42/2009. Che, precisa, l’interpretazione estensiva non vale per la determinazione dell’incidenza percentuale delle spese di personale sul totale delle spese correnti.
A seguito della disapplicazione dell’articolo 1, commi da 198 a 206, della legge 266/2005, operata dall’articolo 1, comma 557, della legge 296/2006, si è ritenuto che gli enti soggetti al patto dovessero necessariamente conteggiare gli oneri derivanti dai rinnovi contrattuali. Tale opinione è stata avvalorata da una serie di sezioni regionali di controllo della Corte dei conti, come ,ad esempio, la Sezione Veneto, parere 28 giugno 2007, n. 11.
Tali tesi vanno riviste per la Sezione Lombardia a seguito della modifica apportata all’articolo 1, comma 557, della legge 296/2006 da parte dell’articolo 76, comma 1, della legge 133/2008 che crea una linea di continuità con la disciplina contenuta, a suo tempo, nella legge 266/2005. Così, allo scopo di fissare criteri per verificare la progressiva riduzione della spesa di personale, in termini assoluti, ciascun anno, occorre utilizzare dati possibilmente omogenei. I rinnovi contrattuali, invece, possono distorcere le grandezze economiche da un anno all’altro.
La Sezione, quindi, è favorevole all’interpretazione secondo la quale la spesa di competenza per gli 2006, 2007 e 2008 relativa al personale sia da considerare al netto degli oneri scaturenti dalla contrattazione collettiva. Questo non vale per la determinazione dell’incidenza delle spese di personale rispetto al totale delle spese correnti, per evitare effetti elusivi dei vincoli posti dall’articolo 76, comma 5, della legge 133/2008.
Vanno in ogni caso conteggiati, specifica la Corte, gli oneri di personale derivanti dalla contrattazione decentrata.
 (lo)

Deliberazione-n.-42--del-24.02.2009.doc (49,50KB)