default_mobilelogo

Login

 

CORTE DEI CONTI – SEZIONE DI CONTROLLO LOMBARDIA

 

DELIBERAZIONE N.376 DEL 19 DICEMBRE 2016

 

PRESIDENTE F.F.: ASTEGIANO; RELATORE: LUBERTI

 

 

 

In relazione a spese che presentino una rilevanza superiore al triennio, occorre fare riferimento al fondo pluriennale vincolato diretto a dare evidenza contabile alle spese, già gravanti sull’ente, che superano l’arco temporale della relativa copertura finanziaria. Tale fondo è, infatti, costituito da risorse, già accertate, destinate al finanziamento di obbligazioni passive, già impegnate, ma esigibili in esercizi successivi a quello in cui è stata accertata l’entrata.

 

Mentre le entrate vincolate, destinate alla copertura di spese impegnate e imputate agli esercizi successivi, sono rappresentate nel fondo pluriennale vincolato, diversamente, le entrate vincolate, destinate alla copertura di spese non ancora impegnate, sono rappresentate contabilmente nella quota vincolata del risultato di amministrazione.

 

Quando si assume un obbligo di finanziamento pluriennale, l’ente deve procedere a registrare la spesa nell’esercizio di competenza e, successivamente, in occasione di ciascuna scadenza, deve provvedere all’impegno della rata tramite il fondo pluriennale vincolato originariamente accantonato. In assenza del procedimento descritto, risulterà comunque possibile provvedere, anno per anno, al riconoscimento delle relative poste debitorie come debiti fuori bilancio.   

 

Allegati:
Scarica questo file (Lombardia 376_2016.pdf)Lombardia 376_2016.pdf[ ]1907 kB