default_mobilelogo

Login

 

CORTE DEI CONTI – SEZIONE DI CONTROLLO MOLISE

 

DELIBERAZIONE N.109 DEL 7 APRILE 2017

 

PRESIDENTE: ZUCCHERETTI; RELATORE: VERRICO

 

 

 

L’ordinamento riconosce ai lavoratori a tempo parziale la possibilità di svolgere attività lavorativa per altri enti.

 

Per gli enti locali esiste una specifica norma contrattuale (art.14 del Ccnl 22 gennaio 2014). Trattasi di fattispecie per la quale il dipendente è utilizzato da più enti, rimanendo legato ad un unico rapporto di impiego con l’ente locale originario. In tale ipotesi di “scavalco condiviso”, a differenza dello “scavalco di eccedenza” disciplinato dall’art.1, co.557, della legge n.311/2004, non può essere rilevata la costituzione di un nuovo rapporto di lavoro. Le spese sostenute dall’ente di destinazione devono essere computate nella spesa per il personale.

 

Un ente locale può fare ricorso, contestualmente e con riferimento al medesimo dipendente, allo “scavalco condiviso” e allo “scavalco di eccedenza”.

 

La spesa per lo “scavalco di eccedenza” deve essere computata ai fini del rispetto dell’art.9, co.28, del D.L. n.78/2010.   

 

 

 

 

 

Allegati:
Scarica questo file (Molise 109_2017.pdf)Molise 109_2017.pdf[ ]3059 kB