default_mobilelogo

Login

 

CORTE DEI CONTI – SEZIONE DI CONTROLLO LOMBARDIA

DELIBERAZIONE N.349 DEL 9 DICEMBRE 2014  

PRESIDENTE F.F. E RELATORE: BRAGHO’

L’anticipazione di tesoreria riveste natura di finanziamento a breve termine finalizzato a sopperire alle carenze temporanee di liquidità e non può surrettiziamente trasformarsi in una forma di indebitamento.

L’art.222, co.2, del Tuel statuisce che la decorrenza degli interessi passivi matura dal giorno dell’effettivo utilizzo delle somme oggetto della anticipazione.

La convenzione di tesoreria è regolata anche dalle norme che disciplinano i rapporti bancari e creditizi. Agli interessi passivi può aggiungersi, pertanto, se previsto nella convenzione di tesoreria, la c.d. “commissione di messa a disposizione dei fondi” prevista dal D.M. 30 giugno 2012. E’ compito dell’ente interessato acquisire sul mercato condizioni più favorevoli per il contenimento degli oneri finanziari connessi al reiterato ricorso alle anticipazioni di cassa.

 (Cosmo Sciancalepore)