default_mobilelogo

Login

Contratti pubblici – Appalti - Atto confermativo di aggiudicazione provvisoria – Impugnabilità - Esclusione

 L'atto meramente confermativo di aggiudicazione provvisoria (nella specie, a seguito di riesame dell'offerta tecnica da parte della commissione aggiudicatrice) non è autonomamente impugnabile sia perchè gli atti confermativi non hanno - di regola (e salvo specificità) alcuna natura e/o efficacia provvedimentale, sia in quanto l'atto confermato e reiterato è un atto che si connota come atto puramente e meramente "endoprocedimentale" (tale essendo la "aggiudicazione provvisoria"), perciò stesso non impugnabile (rectius: che in ragione di tale sua connotazione funzionale non va necessariamente impugnato).

 

Contratti pubblici – Appalti - Annullamento aggiudicazione - Declaratoria di inefficacia del contratto - Risarcimento del danno per equivalente - Incompatibilità ex art. 124 c.p.a. - Esclusione

 

 L'art. 124 del codice del processo amministrativo non va interpretato nel senso che il "risarcimento del danno" costituisce e deve costituire un rimedio assolutamente alternativo a quello della "declaratoria dell'inefficacia del contratto" (e del conseguente "subentro") ed incompatibile con esso. Ed invero, l'art. 124 cit. non esclude affatto che nel caso in cui la pronuncia di inefficacia sopraggiunga allorquando il contratto sia già in fase di esecuzione, debba comunque essere disposto in favore del "giusto aggiudicatario" (id est: del soggetto subentrante nell'appalto per effetto di una sentenza che abbia annullato la precedente aggiudicazione), il risarcimento del danno riferibile al periodo nel quale lo stesso sia rimasto temporaneamente escluso dalla possibilità di fornire la prestazione (e di trarne il dovuto corrispettivo). La norma in questione (art. 124 cit.) va correttamente interpretata - cioè - nel senso che per il lucro cessante relativo al segmento di appalto in ordine al quale la dichiarazione di inefficacia del contratto non potrebbe produrre - ratione temporis - alcun effetto realmente e concretamente satisfattivo, il c.d. "giusto aggiudicatario" va comunque risarcito (almeno) "per equivalente" 

Allegati:
Scarica questo file (Cga 381 2016.doc)Cga 381 2016.doc[ ]69 kB