default_mobilelogo

Login

A seguito dell'entrata in vigore del D.Lgs. n. 50/2016, non vi è dubbio che sia onere di ciascun partecipante alla gara specificare l'ammontare dei costi della sicurezza. In particolare, l'adempimento imposto dall'art. 95 comma 10 del predetto decreto legislativo è finalizzato a garantire la massima trasparenza dell'offerta, evitando che questa possa essere modificata ex post, con possibile alterazione dei costi in sede di valutazione della anomalia, quindi l'indicazione in sede di offerta risulta essenziale, salvo che il contenuto dell'offerta sia comunque ricostruibile, utilizzando anche i chiarimenti e le integrazioni fornite in sede di soccorso istruttorio, sulla base di quanto in essa contenuto. Non può essere possibile il soccorso istruttorio laddove il concorrente abbia compilato il fac-simile della offerta economica con un importo dei costi di sicurezza del tutto incongruo, ciò equivale a mancata indicazione dei costi e, conseguentemente, a un'incompletezza dell'offerta non suscettibile di integrazione in sede di giustificazioni 

Allegati:
Scarica questo file (TAR Brescia 882 2017.doc)TAR Brescia 882 2017.doc[ ]79 kB