default_mobilelogo

Login

La valenza strutturalmente erga omnes dell'annullamento di un atto generale conforma la successiva attività amministrativa, ma non legittima il privato ad avanzare istanze risarcitorie attinenti alla sua specifica posizione, ove egli non abbia assunto in prima persona concrete iniziative giudiziarie tese alla demolizione dell'atto generale medesimo (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, 19 aprile 2017, n. 1835, ivi i richiami ai principi elaborati dalla sentenza dell'Adunanza plenaria n. 3/2011 anche in ordine al valore ricognitivo, in relazione all'art. 1227 c.c., della norma sancita dall'art. 30, comma 3, c.p.a.) 

Allegati:
Scarica questo file (CdS 3279 2017.doc)CdS 3279 2017.doc[ ]58 kB