default_mobilelogo

Login

L'atto che impone un vincolo (archeologico, artistico, storico, ecc.) è immediatamente lesivo ed impugnabile, anche quando si tratta di un atto che conforma una pluralità di beni e non può essere assimilato ad un atto di natura regolamentare; con esso, infatti, non sono introdotte norme giuridiche, ma si rende applicabile la disciplina prevista dalla legge ai beni che ne costituiscono l'oggetto. Sicchè, decorso il termine per la proposizione del ricorso, l'atto da cui derivano gli ulteriori provvedimenti, non può essere messo in discussione in occasione dell'impugnazione degli atti ad esso successivi. Tale principio rileva sia quando tali provvedimenti siano emessi nei confronti di coloro che risultavano già proprietari al momento della imposizione del vincolo, sia quando siano emessi nei confronti dei loro aventi causa sulla base di atti inter vivos o mortis causa

Allegati:
Scarica questo file (Cds 2507 2017.doc)Cds 2507 2017.doc[ ]86 kB