default_mobilelogo

Login

L'art. 32 D.L. 30 settembre 2003 n. 269 prevede la possibilità di concessione edilizia in sanatoria, in particolare per le "opere abusive che risultino ultimate entro il 31 marzo 2003 e che non abbiano comportato ampliamento del manufatto superiore al 30 per cento della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa, un ampliamento superiore a 750 mc." (co. 25). Le opere realizzate su immobili soggetti a vincoli ambientali e paesaggistici, regionali e provinciali, in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio e non conformi alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici" sono sanabili solo se ricorrono congiuntamente le seguenti condizioni: 1) si tratti di opere realizzate prima della imposizione del vincolo; 2) seppure realizzate in assenza o in difformità del titolo edilizio, siano conformi alle prescrizioni urbanistiche; 3) siano opere minori senza aumento di superficie (restauro, risanamento conservativo, manutenzione straordinaria); 4 vi sia il previo parere dell'Autorità preposta alla tutela del vincolo 

Allegati:
Scarica questo file (CdS1935 2017.doc)CdS1935 2017.doc[ ]85 kB