default_mobilelogo

Login

T.A.R. CAMPANIA - NAPOLI - SEZ. I - Sentenza n. 2785 del 21 maggio 2014 - Presidente: Mastrocola C. - Estensore: Russo P.

Gara d’appalto – Oneri di sicurezza per interferenze – Oneri di sicurezza rischio specifico – Differenza –  Omessa indicazione dell’una e dell’altra categoria – Esclusione – Legittimità – Sussiste – Dovere di soccorso – Non sussiste.  

 

Si devono distinguere gli oneri di sicurezza per le cosiddette "interferenze", i quali sono predeterminati dalla stazione appaltante e riguardano rischi relativi alla presenza nell'ambiente della stessa di soggetti estranei chiamati ad eseguire il contratto, dagli oneri di sicurezza da "rischio specifico" o "aziendale", la cui quantificazione spetta a ciascuno dei concorrenti e varia in rapporto alla qualità ed entità della sua offerta. L'omessa indicazione specifica sia dell'una  sia dell'altra categoria di oneri comporta, nel comparto dei lavori come in quello dei servizi e delle forniture, la sanzione espulsiva, ingenerando incertezza ed indeterminatezza dell'offerta, venendo a mancare un suo elemento essenziale, ex art. 46, comma 1-bis, del codice dei contratti pubblici.

 

Gli oneri di sicurezza integrano un elemento essenziale dell'offerta nei confronti del quale non può ritenersi consentita l'integrazione mediante esercizio del potere di soccorso istruttorio da parte della stazione appaltante, ex art. 46, comma 1-bis, D.Lgs. n. 163 del 2006, pena la violazione della par condicio tra i concorrenti.

Deve essere esclusa da una procedura di gara per l'affidamento di un appalto integrato di progettazione esecutiva e lavori, l'impresa concorrente che non abbia indicato gli oneri di sicurezza "da rischio specifico", detti anche "aziendali", né in sede di presentazione dell'offerta, né in occasione delle giustificazioni prodotte nel corso della verifica di anomalia dell'offerta. L'indicazione degli oneri per la sicurezza costituisce un requisito ineliminabile dell'offerta e, in caso di omissione, comporta l'esclusione dalla gara anche ove non espressamente richiesto dal bando.

 (AD)