default_mobilelogo

Login

 

Con un recente Comunicato, l’ANAC torna a richiamare l’attenzione delle società e degli enti in controllo pubblico e a partecipazione pubblica, sulle prossime scadenze in tema di pratiche anticorruzione.

In particolare:

  • le società e gli enti in controllo pubblico e gli enti pubblici economici, qualora non l’abbiano già fatto, debbono nominare tempestivamente il Responsabile della prevenzione della corruzione;
  • il RPC deve predisporre entro il 15 gennaio 2016  una relazione recante i risultati dell’attività di prevenzione svolta sulla base di quanto già previsto dal PNA e dando conto delle misure già adottate in attuazione delle Linee guida;
  • il completo adeguamento alle Linee guida, con l’adozione di misure di organizzazione e gestione per la prevenzione della corruzione, dovrà avvenire entro il 31 gennaio 2016;
  • le società e gli enti destinatari delle Linee guida debbono adeguare tempestivamente i propri siti web con i dati e le informazioni da pubblicare, tenuto conto che le disposizioni in materia di trasparenza di cui al d.lgs. n. 33/2013 si applicano a tali soggetti già in virtù di quanto previsto dall’art. 24 bis del d.l. n. 90/2014.

L’Anac ricorda, altresì, che spetta alle amministrazioni vigilanti, partecipanti e controllanti promuovere l’applicazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza da parte degli enti stessi.