default_mobilelogo

Login

 

Il 5 novembre u.s. la Conferenza Unificata ha dato il via libera all’accordo fra Stato e Regioni sulla polizia provinciale

In sostanza, le Province e le Città metropolitane potranno mantenere nei propri organici, con oneri a carico delle regioni, gli agenti legati alle attività confermate in capo agli enti di area vasta dai legislatori regionali.

Diversamente, gli agenti che non resteranno nei predetti organici dovrebbero transitare secondo il DL n. 78/2015 nei ruoli dei Comuni.